L’odg di Fratelli d’Italia sul DL Alitalia: come sfruttare elettoralmente un atto privo di peso

Nella tarda mattinata di mercoledì 30 maggio 2018 l’Aula del Senato ha approvato l’A.S. 297 per la conversione in legge del decreto-legge 27 aprile 2018, n. 38 recante misure urgenti per assicurare il completamento della procedura di cessione dei complessi aziendali facenti capo ad Alitalia S.p.A.. Il provvedimento è stato votato favorevolmente da 246 senatori e si appresta ad essere trasmesso alla Camera.

Nel corso dell’esame sono stati presentati numerosi emendamenti in seno alla Commissione speciale molti dei quali respinti. Dal gruppo Fratelli d’Italia, come da altri gruppi, sono giunti anche ordini del giorno (ai sensi dell’art. 42, comma 4 RS), cioè atti di indirizzo che nulla hanno a che vedere con l’omonimo “ordine del giorno” riferito ai lavori di aula e commissioni. In particolare quello in oggetto reca due impegni: il primo volto a «ridefinire il Piano nazionale aeroporti» prevedendo «un terzo aeroporto del Lazio da destinare a voli low cost» il secondo volto «a potenziare l’aeroporto di Fiumicino entro i confini dell’attuale sedime aeroportuale».

L’ordine del giorno, nella medesima formulazione, è stato presentato prima in Commissione (G/297/5/CS Fazzolari, Urso) dove è stato respinto, e poi in Aula (G.109 Bernacco, Fazzolari e altri) dove invece è stato approvato con riformulazione. Il Governo infatti ha proposto l’espunzione del primo impegno lasciando in essere solo il secondo che limiterebbe l’ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino nello spazio già presente.

In pratica però questo atto parlamentare non ha alcun effetto giuridico, quale atto di indirizzo politico non vincolerà il Governo attuale e men che meno quelli futuri a rispettare l’impegno approvato, a differenza di quanto invece lascia intendere l’agenzia che riportiamo di seguito. Ciononostante, come accade spesso per altre forze politiche, i senatori FdI hanno potuto utilizzare tale risultato parlamentare, per quanto ridotto sia, a fini mediatici e, visto il particolare frangente, a fini elettorali (il prossimo 10 giugno si voterà per il rinnovo dell’Amministrazione e del Consiglio comunale).

 

Alitalia: Fazzolari, FDI blocca raddoppio aeroporto Fiumicino

ZCZC3948/SXA XPP96365_SXA_QBXB R POL S0A QBXB Alitalia: Fazzolari, FDI blocca raddoppio aeroporto Fiumicino (ANSA) – ROMA, 30 MAG – “Oggi Fratelli d’Italia ha vinto in aula una storica battaglia per Fiumicino. Dopo la vergognosa bocciatura in Commissione speciale del nostro Ordine del giorno che chiedeva di bloccare l’inutile speculazione del raddoppio dell’aeroporto di Fiumicino, Fdi ha ripresentato in aula al Senato l’ODG che impegna il Governo a potenziare l’aeroporto di Fiumicino entro i confini dell’attuale sedime aeroportuale. Perché è possibile rafforzare l’Aeroporto Leonardo Da Vinci e aumentarne sensibilmente il traffico aereo senza piegarsi all’insensato allargamento dell’aeroporto. Ora i futuri governi rispettino il voto del Senato, espresso all’unanimità di tutte le forze politiche, e si metta finalmente la parola fine alla folle storia del raddoppio di Fiumicino“. Lo ha dichiarato il senatore di Fratelli d’Italia Giovanbattista Fazzolari membro della Commissione Speciale del Senato. (ANSA). BSA-COM 30-MAG-18 13:37 NNNN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *